Panino con la milza (Pani ca meusa)

Panino con la milza (Pani ca meusa)

u pane ca meusa

Il panino con la milza, è una specialità palermitana, di antichissime origini. 
Si dice che l'uso della milza sia partito dagli ebrei che risiedevano a Palermo prima dell'anno 1000 d.C., e dopo la loro espulsione dalla Sicilia, ad opera di Ferdinando II, questa pietanza rimase viva e venne poi tramandata fino ad oggi.

I siciliani ereditarono così questo cibo, e lo arricchirono, inserendo la milza, parti della trachea e polmone del manzo, all'interno di un panino morbido, la classica vastedda con i semi di sesamo, con aggiunta di limone e sale. 
Esiste la variante maritata con aggiunta di caciocavallo a striscioline.

La milza, la trachea ed il polmone vengono bolliti, e successivamente tagliati a fettine sottili. Il tutto viene poi soffritto nello strutto di maiale, e solo quando l'avventore passa e chiede il panino, questo viene farcito, e condito.

Oggi è uno dei pilastri dello street food palermitano, che ha parecchi rappresentanti  del settore, proprio nel capoluogo siculo.

Non poteva mancare questa prelibatezza allo Street Food Fest tenutosi a Catania, e proprio lì, abbiamo potuto assaggiare il Panino con la milza, ossia u pani ca mausa, grazie allo stand di Nino u' ballerinu, direttamente da Palermo.

u pane ca meusa

Devo dire che ho provato la variante maritata, con il formaggio, ed è ottimo. Non pensavo che queste parti del manzo, praticamente frattaglie, fossero così buone, dopo il meticoloso lavoro che c'è a monte. 
Il caciocavallo da una marcia in più ed arricchisce decisamente il panino, donando dolcezza, senza stravolgere il sapore della milza.

Solo con sale e limone si apprezza totalmente il valore di questa pietanza palermitana.

Provato, consigliato e riproverò sicuramente.

CONVERSATION

0 commenti:

Posta un commento

Back
to top